14/10/2019
REGISTRATORI TELEMATICI: COSA DICE LA NORMATIVA VIGENTE?
Il Decreto Legislativo numero 127 del 5 Agosto 2015 ha introdotto la possibilità per artigiani e commercianti di dotarsi di registratori di cassa telematici. Il 24 ottobre 2018 è entrato in vigore il decreto fiscale (D.L.119/2018) che ha istituito definitivamente l’obbligo di trasmettere telematicamente i corrispettivi giornalieri. Non esisteranno più le ricevute cartacee perché l'invio degli incassi giornalieri avverrà solamente online. I dati saranno trasmessi all'Agenzia delle Entrate sotto forma di corrispettivi elettronici. Per lo scontrino elettronico dovranno mantenersi e verificarsi i requisiti di: leggibilità, integrità, autenticità ed immodificabilità del contenuto; inoltre si dovrà procedere alla conservazione sostitutiva a norma del file XML trasmesso. In caso di scarto dei file XML dei corrispettivi elettronici, l'esercente avrà 12 giorni per trasmettere nuovamente il file corretto al Sistema di Interscambio. Nell'area riservata "Fatture e Corrispettivi" saranno consultabili i file trasmessi al SdI. In caso di mancata o infedele memorizzazione dei corrispettivi, o di mancata o infedele trasmissione, si applicano le sanzioni previste dall'art. 6, comma 3 e art. 12, comma 2 del dlgs n.471/97, per le violazioni in materia di rilascio di scontrini e ricevute fiscali e di installazione degli apparecchi misuratori fiscali. Per i primi sei mesi (fino a gennaio 2020 per chi è partito a luglio 2019 e fino a giugno 2020 per chi partirà a gennaio 2020) è prevista una moratoria delle sanzioni, secondo il Decreto Crescita.